Formula 1: dal 2012 tornerà il KERS!

0

I fan della Formula 1 hanno recentemente espresso la loro opinione sul KERS e pare proprio che la scelta della sua esclusione di quest’anno non sia stata accettata nel migliore dei modi. Il sistema di recupero di energia è in grado di imagazzinare energia cinetiva sotto forma di energia che poi verrà restituita come spinta motoristica. Molto efficace nello scorso anno, è stato eliminato dal molte case costruittrici concorrenti al campionato in quanto risultava macchinosoe poco efficace, ma non per Ferrari e pochi altri. Coloro che si sono astenuti pare aver avuo ragione, ma se il ricorso è stato maldestro, il sistema è veramente interessante sotto molti punti di vista. In primo luogo esso è in grado di fornire la sicurezza necessaria a tutti gli sport motoristici di fronte ad attacchi mossi dai verdi e poi ricordiamo il rendimenti significativo per la F1. In breve le squadre si sono incontrate nel corso del GP della Malesia e hanno lanciato una proposta di riflessione che dovrebbe portare alla reintroduzione del KERS nel prossimo anno.


Questo primo incontro ha portato ad un consenso sull’opportunità di un sistema di recupero di energia in frenata, ma non dobbiamo di certo pensare che tutto sia già stato fatto. Quindi se tutti saranno d’accordo che il KERS dovrebbe essere aumentato in potenza, quindi 80CV, allora dovranno mettersi d’accordo su come risolvere i problemi per la creazione standardizzata del sistema. Renault sostiene fieramente il sistema necessariamente per ragioni di marketing e sarebbe bello che ogni squadra costruisse il proprio sistema, anche nelle sue caratteristiche standard per meglio adattarsi alle concept car globali delle case. Ross Brawn ha detto che la modifica dei regolamenti dei motori prevista per il 2013 richiede un programma per una revisione completa del KERS, in modo da poterlo adattare ai nuovi limiti entro il 2013. Frank Williams, portavoce delle squadre minori ha preso atto che questo sistema ha un costo ragionevole fino ad un certo punto, per questo bisognerà trovare entro l’anno prossimo chi produce questo sistema ad un prezzo che vada bene a tutti.

Condividi in

Autore

Lascia un Commento